Condividi:

IBIDROXIL SCIROPPO EST.60ML 125MG

Produttore: I.B.I.GIOVANNI LORENZINI SPA
FARMACO DI CLASSE C
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

EPRINOVET 5 MG/ML SOLUZIONE POUR-ON PER BOVINI DA CARNE E DA LATTE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Endectocidi, lattoni macrociclici, avermectine.

PRINCIPI ATTIVI

Ogni ml contiene: principio attivo: eprinomectina: 5 mg. Eccipienti: butildrossitoluene (E-321): 1 mg; All-rac-alfa-tocoferolo (E-307): 0.01- 0.04 mg. Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

ECCIPIENTI

Butilidrossitoluene (E-321), all-rac-alfa-tocoferolo (E-307), glicolepropilenico ottanoato decanoato.

INDICAZIONI

Trattamento di infestazioni causate dai seguenti parassiti interni edesterni sensibili all'eprinomectina: Ascaridi gastrointestinali (adulti e larve L4): Ostertagia ostertagi (compresi stadi larvali L4 inibiti), Ostertagia (Skrjabinagia) lyrata (adulti), Ostertagia spp., Haemonchus placei, Trichostrongylus axei, Trichostrongylus colubriformis*, Trichostrongylus spp., Cooperia spp. (compresi stadi larvali L4 inibiti), Cooperia oncophora, Cooperia punctata, Cooperia pectinata, Cooperiasurnabada, Bunostomum phlebotomum, Nematodirus helvetianus, Oesophagostomum radiatum, Oesophagostomum spp. (adulti), Trichuris spp. (adulti). * Raro nei bovini. Vermi polmonari: Dictyocaulus viviparus (adulti e stadi larvali L4). Ipodermatidi (stadi parassitari): Hypoderma bovis, Hypoderma lineatum. Pidocchi: Linognathus vituli, Haematopinus eurysternus, Solenopotes capillatus. Pidocchi masticatori: Bovicola bovis. Acari della rogna: Chorioptes bovis, Sarcoptes scabiei var. bovis. Mosche delle corna: Haematobia irritans. Efficacia prolungata fino a 7 giorni dopo l'applicazione. Il prodotto protegge gli animali dalle reinfestazioni da: Ostertagia spp., Oesophagostomum radiatum e Dictyocaulusviviparus per 28 giorni, reinfestazioni da Cooperia spp. e Trichostrongylus spp. per 21 giorni, e reinfestazioni da Haemonchus placei e Nematodirus helvetianus per 14 giorni. La durata della protezione per Cooperia spp. e H. placei puo' variare a 14 giorni in particolare negli animali giovani e magri al momento del trattamento.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Non usare su animali di altre specie. Non usare in caso di ipersensibilita' al principio attivo o ad uno degli eccipienti.

SICUREZZA NELLE SPECIE DI RIF.

Negli animali trattati con una dose fino a 10 volte quella terapeutica e' stata osservata midriasi transitoria. Non sono stati individuati antidoti specifici. In caso di dosaggio eccessivo, si raccomanda un trattamento sintomatico.

USO/VIA DI SOMMINISTRAZIONE

Uso pour-on. Solo per singola applicazione.

POSOLOGIA

Uso pour-on. Solo per singola applicazione. Per garantire la correttasomministrazione, occorre stabilire il peso corporeo il piu' accuratamente possibile e verificare la precisione del dispositivo di dosaggio. Tutti gli animali appartenenti allo stesso gruppo devono essere trattati contemporaneamente. Somministrare localmente in un singolo trattamento, alla dose di 500 mcg di eprinomectina per kg di peso corporeo, pari a 1 ml per 10 kg di peso corporeo. Applicare la soluzione pour-onlungo il dorsoin una sottile striscia che si estende dal garrese all'attacco della coda. Se gli animali devono essere trattati collettivamente piuttosto che individualmente, devono essere raggruppati in base al peso corporeo e le dosi predisposte conseguentemente, per evitare sotto-dosaggi o sovra-dosaggi. Per il trattamento di un gruppo di animali della stessa eta' o di eta' simile, il dosaggio deve essere conformea quello previsto per l'animale piu' pesante del gruppo. Metodo di somministrazione: per la formulazione da 1 litro: l'uso di questo formato (1 L) e' limitato agli animali di almeno 100 kg. Il flacone e' dotato di un sistema di dosaggio integrato e ha due aperture. Un'apertura e' collegata al corpo del contenitore e l'altra alla camera di erogazione (sistema di dosaggio). Svitare il tappo e rimuovere la guarnizione della camera di erogazione (sistema di dosaggio integrato graduato di 10 in 10 ml fino a 50 ml). Spremere il flacone per riempire la camera di erogazione col volume di prodotto richiesto. Qualora le dosi non risultino multipli di 10 ml, occorre utilizzare la dose superiore per evitare lo sviluppo di resistenza ai farmaci antielmintici. Per le formulzaioni da 2,5 l e 5 l: usare con un adeguato sistema di dosaggio comeuna pistola dosatrice e un tappo a valvola. Svitare il tappo semplicein polipropilene (PP). Rimuovere la guarnizione di protezione dal flacone. Avvitare il tappo a valvola sul flacone e assicurarsi che sia ben serrato. Collegare l'altro lato ad una pistola dosatrice. Seguire leistruzioni del produttore della pistola per regolare la dose e l'uso corretto e la manutenzione corretta della pistola dosatrice e del tappo a valvola. Dopo l'uso, i tappi a valvola devono essere rimossi e sostituti da un semplice tappo in PP.

CONSERVAZIONE

Flacone da 1 l: tenere il flacone nell'imballaggio esterno per proteggerlo dalla luce. Flacone da 2.5 l e 5 l: questo medicinale veterinario non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Periododi validità del medicinale veterinario confezionato per la vendita: 30 mesi. Periodo di validità dopo prima apertura del confezionamento primario: 18 mesi.

AVVERTENZE

Occorre prestare attenzione ad evitare le pratiche seguenti perche' aumentano il rischio di sviluppo di resistenza ai farmaci antielminticie potrebbero compromettere l'efficacia della terapia: uso troppo frequente e ripetuto di sostanze antelmintiche della stessa classe, per unperiodo di tempo prolungato; sottodosaggio, che puo' essere dovuto a una sottostima del peso corporeo, ad una somministrazione non correttadel prodotto, o alla mancata taratura del dispositivo di dosaggio (seutilizzato). Casi clinici sospetti di resistenza a sostanze antelmintiche devono essere esaminati ulteriormente avvalendosi di test appropriati (es. il test della riduzione della conta fecale delle uova). Se il risultato del(i) test suggerisse effettivamente una resistenza a un particolare antelmintico, deve essere utilizzato un antelmintico di un'altra classe farmacologica che abbia undifferente meccanismo di azione. Ad oggi non sono stati riportati casi di resistenza all'eprinomectina (un lattone macrociclico) nei bovini e negliovini, ma sono stati segnalati nei capriniall'interno dell'UE, Casi di resistenza ad altri lattoni macrociclici sono stati riferiti per specie di nematodi nei ruminanti all'interno dell'UE, che possono essere associati alla resistenza laterale all'epinomectina. Di conseguenza, l'uso di questo prodotto deve basarsi sulle informazioni epidemiologiche locali (regionali, aziendali) relative alla suscettibilita' dei nematodi e alle raccomandazioni su come limitare l'ulteriore selezione per la resistenza agli antelmintici. La selezione di geni resistenti che portano allo sviluppo della resistenza al trattamento puo' in ultima analisi determinare l'inefficacia della terapia antielmintica. Se sussiste il rischio di re-infestazione, occorre rivolgersi ad un veterinario per valutare la necessita' e la frequenza di somministrazione ripetuta. Per ottenere i risultati migliori, il prodotto deve far parte di un programma di controllodei parassiti sia interni che esterni dei bovini in base all'epidemiologia di tali parassiti. E' stato dimostrato che la pioggia prima o dopo l'applicazione del prodotto non ha alcun impatto sull'efficacia delprodotto stesso. L'impatto di condizioni meteorologiche estreme sull'efficacia a lungo termine (persistenza) del medicinale veterinario none' noto. Allo scopo di limitare il trasferimento incrociato dell'eprinomectina, gli animali trattati dovrebbero essere tenuti separati da quelli non trattati. La mancata osservanza di questa raccomandazione puo' causare il superamento dei limiti residuali consentiti negli animali non trattati. Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: soloper uso esterno. Per un uso efficace, il prodotto non deve essere applicato su aree cutanee dorsali sporche di fango o letame. Il prodotto deve essere applicato solo su pelle integra. La morte delle larve di ipoderma nell'esofago o nelcanale vertebrale puo' portare a reazioni secondarie. Per evitare reazioni avverse dovute alla morte di larve di estridi nell'esofago o nella colonna vertebrale, si consiglia di somministrare il prodotto dopo la fine dell'attivita' dei parassiti e prima che le larve raggiungano la loro sede definitiva all'interno del corpo. Le avermectine possono essere mal tollerate da altre specie, in particolare possono essere fatali nei cani, soprattutto nei Collie, nei Bobtail, nelle razze affini e loro incroci, nonche' nelle tartarughe e nelle testuggini. Precauzioni speciali che devono essere adottate dallapersona che somministra il medicinale veterinario agli animali: non fumare, mangiare o bere durante la manipolazione del prodotto. Lavare le mani dopo l'uso. Il prodotto puo' essere irritant eper la cute e gliocchi dell'uomo. Evitare il contatto diretto con la pelle e gli occhi. Le persone con ipersensibilita' nota al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti devono evitare il contatto con il medicinale veterinario. Indossare guanti in gomma, stivali e indumenti protettividurante l'applicazione del prodotto. Qualora vengano contaminati gli indumenti, rimuoverli appena possibile e lavarli prima di riutilizzarli. In caso di contatto accidentale con la pelle, lavare immediatamentela zona interessata con acqua e sapone. In caso di contatto accidentale con gli occhi, sciacquare immediatamente con acqua. Se l'irritazione persiste consultare il medico. Non ingerire. In caso di ingestione, sciacquare la bocca con acqua, rivolgersi al medico e mostrargli il foglietto illustrativo o l'etichetta. Altre precauzioni: l'eprinomectinae' molto tossica per la fauna stercoraria e per gli organismi acquatici, e' persistente nel suolo e puo' accumularsi nei sedimenti. Le fecicontenenti eprinomectina escrete nei pascoli da animali trattati possono temporaneamente ridurre la quantita' di organismi che si nutrono di letame. A seguito del trattamento di bovini con il prodotto, i livelli di eprinomectina potenzialmente tossici per la fauna stercoraria, possono essere escreti per un periodo superiore alle 4 settimane e possono ridurre il numero tali organismi durante questo periodo. In caso di trattamenti ripetuti con eprinomectina (o con prodotti della stessa classe antelmintica) e' opportuno non trattare gli animali ogni volta nello stesso pascolo per permetterealla fauna stercoraria di riprendersi. L'eprinomectina e' fortemente tossica per gli organismi acquatici.Il prodotto deve essere utilizzato solo secondo le istruzioni contenute nell'etichetta. A seconda del profilo di escrezione di eprinomectina, quando somministrata come formulazione pour-on, gli animali trattati non devono accedere a corsi d'acqua per i primi 7 giorni successivial trattamento. Negli animali trattati con una dose fino a 10 volte quella terapeutica e' stata osservata midriasi transitoria. Non sono stati individuati antidoti specifici. In caso di dosaggio eccessivo, si raccomanda un trattamento sintomatico. In assenza di studi di compatibilità, questo medicinale veterinario non deve essere miscelato con altrimedicinali veterinari.

TEMPO DI ATTESA

Carni e visceri: 15 giorni. Latte: zero ore.

SPECIE DI DESTINAZIONE

Bovini (bovini da carne e da latte).

INTERAZIONI

Nessuna nota.

DIAGNOSI E PRESCRIZIONE

Da vendersi soltanto dietro presentazione di ricetta medico veterinaria in triplice copia non ripetibile.

EFFETTI INDESIDERATI

In casi molto rari, sono stati osservati leccamento transitorie, tremore cutaneo nel sito di applicazione, e reazioni locali minori come laforfora e la desquamazione cutanea nel sito di applicazione. La frequenza delle reazioni avverse e' definita usando le seguenti convenzioni: molto comuni (piu' di 1 su 10 animali trattati manifesta reazioni avverse); comuni (piu' di 1 ma meno di 10 animali su 100 animali trattati); non comuni (piu' di 1 ma meno di 10 animali su 1.000 animali trattati); rare (piu' di 1 ma meno di 10 animali su 10.000 animali trattati); molto rare (meno di 1 animale su 10.000 animali trattati, incluse le segnalazioni isolate).

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Gravidanza ed allattamento: puo' essere usato durante la gravidanza el'allattamento.

Codice: 024698045
Codice EAN:
Codice ATC: J01DA
  • Antimicrobici generali per uso sistemico
  • Antibatterici per uso sistemico
  • Altri antibatterici beta-lattamici
  • Cefalosporine e sostanze correlate
Temperatura di conservazione: a temperatura ambiente
Forma farmaceutica: SCIROPPO
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: FLACONE